Thursday, November 3, 2011

pollaz: an interview

pollaz, an interview @ milktoothrain
pollaz, an interview @ milktoothrain
pollaz, an interview @ milktoothrain
pollaz, an interview @ milktoothrain
pollaz, an interview @ milktoothrain

Today I am happy to introduce Pollaz, aka Paola!
We are blog and craft friends and she also participated the Band Loch Markt on October (we are working to organize the next one).
I decided to interview Pollaz for several reasons:
1. She makes things I adore, her oven glove are beautiful! 
2. She is nice and willing. 
3. I'd like to promote a bit more the italian craft.
4. She was at the Band Loch Markt.

Now here you are our chat. 
Io. Who you are? Can you tell us a bit about you? 
Pollaz. Hi! My name is Paola Colombo, but everyone calls me Pollaz, I live in Verona since about ten years.

Io. Can you also tell us about your background?
Pollaz. I have a degree in Scenography at the Accademia di Belle Arti in Verona, but when I was studying I understood I had other interests too. My mum taught me to use the sewing machine, while my friend Federica urged me on something more challenging. So I started with her to create handmade objects and sell them at punk/hc shows. Hereafter I pushed my passion for needle-and-thread.

Io. Are you a full time puppets maker or you do something else too?
Pollaz. I wish I was! I have a part-time job that binds me 6 days on 7, within the two "jobs" I don't have a lot of spare time.

Io. Where do you take mostly your inspirations? 
Pollaz. Everything that surrounds me, I look a lot around, I am an observer and I love details. I wish I am not looking like a maniac when I watch the details of people :)

Io. Which is the first step when you start a new project? 
Pollaz. Scribble, scribble and scribble. I collect tens/hundreds/a lot of designs that I make during the moments of my day. 

Io. Beyond your personal project do you have also side projects?
Pollaz. Yes, there is a project, but I don't want to talk about that right now because to avoid bad luck :)

Io. Is there someone you'd like to work with (someone form past or present)?
Pollaz. I overshoot and I say Sandy Skoglund, she is one of my first love, my thesis degree has born from a photo of her, even if I don't know exactly what we'd make together I am always enchanted by her works. 

Io. Which artists or designers are you following right now? 
Pollaz. I could make an infinite list...there are many many crackerjacks all around. I'd say two names: I am fascinated by Olly Moss's works, his simplicity is brilliant, and then TADA’s revolution, her attention to details is unbelievable!

Io. Which project of yours, you think, is the most succesful?
Pollaz. I guess the portrait pillow faces. I like to know that a lot of people have a fabric alter-ego sewed by me. 

Io. Could you describe your typical day from wakening till night? 
Pollaz. I'd like to say that it is an exciting day, but often it is not...
My typical day, when I have a lot to do is:
Wakening at 8,30/9,00, I go out with my dog, after I have a big cup of coffee in front of the computer and then I prepare myself to the world. 
I stay in the studio till 13,00 then I take possession of the sofa and have something to eat.
Around 14,30 I go (yawning) to work (in the office, the kind of job that pays the rent) till 20,00.
Then dinner with my boyfriend (hoping he cooked) then again in the studio till 2,30/3,00.
Then I am asleep till my feet and I go bed.

Io. When you are not working what you like to do? 
Pollaz. I loose a lot of time on the internet, I like watching movies and TV shows, cooking biscuits and lounging...lounging is fabulous. I love my dog, its name is Mela (in english Apple) she makes many spites to me (and I make to her). When my boyfriend and me have time (few) we love to do small journeys.

Io. Top-5 places to visit in Verona (every kind of)
Pollaz. With Verona I have a hate-love relationship, anyway here you are:
Parco dell’Adige. A natural park on the bank of the Adige with a long bicycle path.
Agriturismo Dongili. A vegetarian farm where the food is really good.
L’ex Arsenale. A beautiful place not used as it deserves.
Gelateria Zeno. Because the pistachios ice cream is screamingly good.
My home. Because the sofa is comfortable and it is so cute.

Io. A hidden dream?
Pollaz. To live doing what I like, and being able to say "I live sewing oven gloves with hairy hands".

Io. Your favorite magazines or blogs? 
Pollaz. Cut, is an interesting German magazine that I discovered in Berlin, while in my favorite blogs there is finelittleday.

Io. As crafter, which are your best Etsy shops?
Pollaz. Here I'd have a long list too... Cottonholic because she sells amazing fabrics, Ninon because I'd buy everything she makes, then StudiofluddDepeapaYokoo...

Io. Is there something I didn't asked about, but you'd say?
Pollaz. If you want to make me happy, please give me as present an apricot pie :D 
-
Oggi sono felice di presentarvi Pollaz, aka Paola!
Siamo amiche di blog e craft e ha partecipato anche al Band Loch di ottobre (tra l'altro stiamo lavorando per organizzare il prossimo).
Ho deciso di intervistarla per vari motivi:
1. Fa delle cose che mi piacciono tantissimo, i guanti da forno sono bellissimi!
2. È simpatica e molto disponibile.
3. Vorrei promuovere un po' il craft italiano.
4. Ha partecipato al Band Loch.

Ora ecco a voi la nostra chiaccherata.
Io. Chi sei? Potresti dirci qualcosa di te?
Pollaz. Ciao! Mi chiamo Paola Colombo ma tutti mi chiamano Pollaz, vivo a Verona da quasi dieci anni.

Io. Ci racconti un pochino del tuo background?
Pollaz. Mi sono laureata in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Verona, mentre frequentavo ho capito che però mi piaceva di più fare altro. Mia madre mi ha insegnato ad usare la macchina da cucire mentre la mia amica Federica mi ha dato la spinta per iniziare a fare qualcosa di più stimolante. Così ho iniziato insieme a lei a produrre oggetti fatti a mano e venderli ai concerti della scena punk/hc. Da allora ho portato avanti la mia passione per ago e filo ed ora eccomi qui.

Io. Sei una puppets maker a tempo pieno o ti occupi anche di altro?
Pollaz. Magari! No, ho un lavoro part-time che però mi occupa 6 giorni su 7 quindi tra i 2 “lavori” ho poco tempo libero.

Io. Qual'è la tua maggior fonte di ispirazione?
Pollaz. Tutto ciò che mi circonda, mi guardo molto in giro, sono una costante osservatrice e mi piacciono moltissimo i dettagli. Spero di non esser mai sembrata una maniaca quando mi sono persa nell’osservare i particolari di una qualche persona in un qualche posto :)

Io. Qual'è il primo passo che compi prima di iniziare un nuovo progetto?
Pollaz. Scarabocchi, scarabocchi e scarabocchi. Raccolgo in fogli e foglietti decine/centinaia/un sacco di disegni che butto giù tra un momento e l’altro.

Io. Oltre al tuo lavoro personale hai progetti paralleli?
Pollaz. Sì, un progetto c’è ma facciamo che per adesso non si dice niente per scaramanzia :)

Io. C'è qualcuno con cui sogni di collaborare (qualcuno del passato o del presente)?
Pollaz. Punto in alto e dico Sandy Skoglund, è stata una dei miei primi amori, la mia tesi di laurea è nata da una sua foto e anche se non so di preciso cosa potremmo fare assieme sono sempre affascinata dai suoi lavori.

Io. Quali artisti o designer stai seguendo nell'ultimo periodo?
Pollaz. Potrei farti un elenco infinito...c’è davvero un sacco di gente in gamba in giro. Facciamo che ti dico due nomi: ultimamente mi affascinano molto i lavori di Olly Moss, credo che la sua semplicità sia geniale, e poi TADA’s revolution, la cui attenzione per i dettagli è incredibile!

Io. Quale pensi che sia il tuo progetto/prodotto di maggior successo?
Pollaz. Forse le pillow faces ritratto. Fa piacere sapere che molte persone hanno appeso in casa un proprio alter-ego di stoffa cucito da me.

Io. Potresti descrivere una tua giornata tipo dal risveglio a notte fonda?
Pollaz. Mi piacerebbe poterti descrivere una giornata super emozionante ma spesso non è così...
La mia giornata tipo, quando ho molto lavoro da fare, è questa:
Sveglia alle 8,30/9,00, porto fuori il cane e dopo una mega tazza di caffè davanti al computer mi rendo presentabile al mondo.
Mi chiudo in studio fino alle 13 circa per poi prendere possesso del divano e mangiare qualcosa.
Attorno le 14,30 vado (sbadigliando) a lavorare (in ufficio, quel lavoro che mi fa pagare l’affitto) fino alle 20.
Cena con il mio ragazzo (sperando abbia cucinato lui) e poi di nuovo in studio fino alle 2,30/3,00.
Il sonno chiama e quindi si va a letto.

Io. Quando non lavori cosa preferisci fare?
Pollaz. Perdo un sacco di tempo in internet, mi piace guardare film e serie tv, cucinare biscotti e oziare... oziare è fantastico. Mi piace anche il mio cane, che si chiama Mela e che mi fa un sacco di dispetti (ma anch’io li faccio a lei). Quando io e il mio ragazzo abbiamo del tempo (poco) ci piace fare delle mini-gite.

Io. La top-5 dei luoghi da visitare di Verona (di qualsiasi genere essi siano)
Pollaz. Con Verona ho un rapporto di odio e amore ma comunque eccola qui:
Parco dell’Adige. Un parco naturale sulle rive dell’Adige con un lunga pista ciclabile.
Agriturismo Dongili. Un agriturismo vegetariano dove si mangia un gran bene.
L’ex Arsenale. Un posto davvero bello purtroppo non sfruttato come potrebbe.
Gelateria Zeno. Perché il gelato al pistacchio è la morte sua.
Casa mia. Perché il divano è proprio comodo ed è proprio carina.

Io. Un sogno nel cassetto?
Pollaz. Vivere facendo quello che mi piace, poter dire “vivo cucendo guanti da forno con le mani pelose”.

Io. Riviste o blog preferiti?
Pollaz. Cut, una rivista tedesca molto carina che ho scoperto a Berlino mentre tra i miei blog preferiti c’è finelittleday.

Io. In qualità di crafter, quali sono i tuoi negozi Etsy preferiti?
Pollaz. Anche qui la lista sarebbe lunghissima... Cottonholic perché vende delle stoffe bellissime, Ninon perchè comprerei tutto quello che fa, poi ancora Studiofludd, Depeapa, Yokoo...

Io. C'è qualcosa che non ti ho chiesto, ma che vorresti dire?
Pollaz. Se vuoi farmi felice regalami una crostata di marmellata all’albicocca :D

 xxxcoki

2 comments :

Anonymous said...

Ma che belli i guanti da forno! Io ho da poco acquistato questi http://www.troppotogo.it/guanti-forno-bende.html ma non sono ovviamente fatti a mano... anche se mi piacciono moltissimo! Tu però... sei bravissima!

Anonymous said...

Yeeeaaahhh! Good work,It's an amazing interview.

R