Wednesday, March 28, 2012

studio fludd: an interview

mercatinoperte_2 Mp_new1 bf_c11 bf_c8
There are people who slips out our hands.
The girls and guys from Studio Fludd participate to the Band Loch of January, I was really longing for them to come and I was absolutely happy to know they were in the team.
They are so interesting and have a lot to say, that's why I interviewed them! I must  say that reading and translating this interview I found a lot of inspirations for my craft works.

Me. Who are you? Can you talk a bit about you?
SF. We are 5 (Caterina, Clara, Matteo, Sara, Valeria), everyone more or less from Padova, we are between 25 and 27 years old. We met each other in different moments, fellows at the high school or later at the uni. In 2008 we create an informal collective which takes the name from Robert Fludd, an english alchemist of the XVII century. We had in common (as we have) a strong discontent of the aesthetic context of the land where we were living and we had the desire to start a magical transformation of our surroundings. After the first steps in DIY we thought a blog was prominent. That gave to the shy Fludd project a kind of international visibility, right now it is a tool to organize ideas, to intensify investigations, to document the different phases of our projects and then also start a network with young artists, through a serie of interviews which brought to live meetings and co-operations. Now the moment is not easy, but positively open and anyway of transition. We are all moving in the surroundings of Venice (3/5 of us live there), in the next future who knows, let's keep our luggage ready!

Me. You are a collective, what do you do?
SF. We work on projects form illustration to design, from graphic design to fashion, from make-up to environmental installation. We hope we can work on everything with the same quality. We are interested in keeping our approach available, we come from same field of study but from different schools so we are not skilled only on one field. We are really fluid in our work too - we are not always together, sometime the two sometime the three of us, it depends on personal needs and on the project. Anyway we love well made things, even though sometime it is a handicap, because self-criticism slows down initiative and determination, but we will improve.

Io. Where do you find inspiration?
SF. Everyone has his own, clearly. When we meet up it is useful and easy to make an exchange. We read books, catalogs of museums, pictures taken or saved form the internet. When we do not have time we make it online. Venice, a part of all, is a real inspiration (sorry for the vintage word).

Me. Are you more designers or alchemists?
SF. Let's say alchemists. Not because we want to behave as backward looking sorceress. Our studies are different: Caterina and Sara made artistic studies, Matteo and Valeria graphic design, and Clara studies fashion. We are not strictly designers, neither in the way we work, nor as cast of mind. We do love the alchemist who believes in eclecticism, in new reading of traditions, in secrets of the materia, in high ambitions and in serendipity.

Me. Which is the first step you do before starting a new project?
SF. Definitively a large collection of referring images, of the visual lanes to follow. Quite often we start form materials, 2D or 3D, connecting them all. Then everyone of us tells his own opinion and we start a creative exchange, where everyone finds his own role.

Me. Is there someone you'd like to work with (someone form past or present)?
SF. Oh of course yes, it's what we are looking forward to. Many young artists we interviewed on our blog, among which It's Raining Elephants and Hanna Konola. Then the vivid Hvass&Hannibal and our neighbour Automatic Books.
But also carpenters, writers, musicians, neuroscientists, people that are not completely related to the visuale art world. But it is so hard to find the Right Person. You are not always allowed to make a decision - sometimes you must be responsive, and if you have the chance you can manage it.

Me. Which artists or designers are you following right now?
SF.  Randomly: middle-age anonymous, catalogues of the last shows at the Fortuny museum (in Venice), the photographer form the 20s Karl Blossfeldt; then Sarah Illenberger, Carl Kleiner, Studio Toogood and Formafantasma. Illustrations by Laura Carlin, the books of Planeta Tangerina, the crew Nobrow, ...

Me. Which project of yours, you think, is the most succesful?
SF. Who knows. Slow Wood was a success, it is the modular sandwich for kids, we showed it the last year at KidRoomZoom, a side event of the Fuori Salone in Milan. Maybe an important part of our productions are the necklace Materia Prima - even though we always considered them as an artigianal training and symbols of our aesthetic and conceptual researches.

Me. Big cartel or Etsy?
SF. We do like Etsy; it is an ocean with its pros and cons - it is a global phenomenon, a huge place where everyone pass by. Our Bigcartel is still a Beta, it is born for who comes to our blog. We like to have both by te moment, even if we are not marketing wizards (...).

Me. When you are not working what you like to do?
SF. Times of work/off-work are without distinctions. In this very moment we can say we always work and we never work. We are babysitters, we work with a vivid Arci collective in Venice (Metricubi), we dream about future projects, we angst for our portfolios. And then, as common people: book, trips and a lot of time on the internet.

Me. Top-5 places to visit in Venice (every kind of)
SF. 1. The East and magical archaism: the insights of St Mark's Basilica, gold cave-church of pirates, and the outside recently renewed of the north side: the door of the Leoncini, with alchemist medallions. Not far St. Apollonia cloister: another time-space.
2. Night silence and labyrinthic: around Celestia, St Polo, St Giovanni and Paolo (quite everywhere), get lost, spy the secret gardens, behind walls and gates.
3. The green and secret island in the Lagoon: St Erasmo, Vignole, Burano, Torcello ... places where you always want to go without any time.
4. A tour for bacari (traditional bars and taverns), codfish balls and Ombre (wine) to taste all the roughness of Venice.
5. Venetian painting! - optionally: Basilica of Frari, Scuola Grande of StRocco (because of Tintoretto), Scuola Dalmata of St Giorgio (Carpaccio) or the pot pourri preserved in the Gallerie of the Accademia. Special mention for Punta della Dogana, a beautiful museum that hosts contemporary art piece by Mr. Pinault.
We didn't follow the term top-5, we know it. But Venice is an incredible secret condensed place, it requires tenacity and trained legs.

DSC_1850_def
Me. A hidden dream?
SF. Became a real Studio (as Pinocchio). What does it mean we still don't know. By the way - to live on it, to became bigger and bigger, to cooperate internationally, to have a view to communicate. To arouse enthusiasm.

Me. Your favorite blogs or magazines?
SF. Blogs: our light is BibliOdyssey, then also: Book By Its Cover, But Does It Float, Fine Little Day, Le figure dei libri, Vice, for example. Magazines: Corraini's inventory, sadly not much more in paper, we do love paper but magazines are so expensive. Than so late we are deeply Pinterestians and Flickerians.

Me. Is there something I didn't asked?
SF. "My art is really a voluntary confession and an attempt to explain to myself my relationship with life—it is, therefore, actually a sort of egoism, but I am constantly hoping that through this I can help others achieve clarity". (Edvard Munch) and "Taste is matter of ice cream makers".(Pablo Picasso).

Thank you and see you!
Studio Fludd (Caterina, Clara, Matteo, Sara, Valeria)
-
mk9_br DSC_0322 r04
Ci sono delle persone con cui ci si incontra di sfuggita.
I ragazzi di Studio Fludd hanno partecipato all'edizione di gennaio del Band Loch, desideravo ardentemente che venissero ed ero estremamente felice di saperli del gruppo.
Sono molto interessanti e hanno tanto da dire, ecco perché li ho intervistati! Devo dire che leggendo e traducendo quest'intervista ho trovato molte ispirazioni per i miei lavori di craft.



Io. Chi siete? Potresti dirci qualcosa di voi (il vostro background)?
SF. Siamo in cinque (Caterina, Clara, Matteo, Sara, Valeria), tutti più o meno originari del padovano, tra i 25 e i 27. Ci siamo conosciuti in periodi diversi, chi come compagno di banco al liceo, chi più tardi all'università. Nel 2008 ci siamo aggregati informalmente in un collettivo che prende il nome da Robert Fludd, alchimista inglese del XVII secolo. Ci accomunava (come oggi) una forte insoddisfazione per il contesto estetico delle lande padane e la voglia di una tentare una magica trasformazione di ciò che vedevamo in giro. Dopo i primi passi di autoproduzione artigianale sfociati in mercatini, importante è stato inaugurare l'esperienza del blog. Questo ha permesso di dare al timido Fludd una certa visibilità internazionale, ma è anche diventato uno strumento-pretesto utile per riorganizzare le idee, approfondire ricerche, documentare le varie fasi dei progetti e soprattutto innestare una rete di scambi con altri giovani creativi, attraverso una serie di interviste che hanno portato poi ad incontri dal vivo e collaborazioni, attuate o potenziali. Ora è un momento non facile ma positivamente aperto, comunque di transizione. Geograficamente ci stiamo agglomerando nel veneziano (3/5 viviamo a Venezia), ma nel prossimo futuro chissà, teniamo le valigie pronte!


Io. Siete un collettivo, di cosa vi occupate?
SF. Di progetti che spaziano dal design all'illustrazione, dalla grafica alla moda, dal make-up alle installazioni ambientali. Speriamo di riuscire a tenere insieme i vari aspetti con coerenza e qualità. Ci interessa mantenere un approccio aperto, provenendo da studi affini ma da scuole diverse non ci siamo specializzati in un unico settore. Siamo molto fluidi anche nel modo lavorare – non sempre siamo tutti, a volte agiamo in duo o in trio, a seconda delle esigenze personali e del progetto in questione.  In ogni caso ci piacciono le cose ben fatte, a volte è un handicap perché l'autocritica frena un po' l'intraprendenza e la determinazione, ma miglioreremo.


Io. Qual'è la maggior fonte di ispirazione?
SF. Ognuno di noi ha le sue, ovviamente. Quando ci si trova insieme è utile e inevitabile scambiarsele. Si sfogliano libri, cataloghi di musei, foto scattate in giro o raccolte di immagini salvate nel computer. Quando non si ha tempo di trovarsi di persona lo scambio avviene virtualmente. Venezia, a parte tutto, è realmente fonte di ispirazione continua (scusate la parola retrò).


Io. Vi sentite di più designer o alchimisti?
SF. Alchimisti, diciamo. Non per darci arie da fattucchieri retrogradi, anzi. Le nostre formazioni sono diverse: artistico-accademiche per Caterina e Sara, design-grafica per Matteo e Valeria, Clara invece studia moda. Non siamo designers in senso stretto, né dal punto di vista operativo né come forma mentis. L'alchimista che ci piace crede nell'eclettismo, nella tradizione reinterpretata, nei segreti della materia, nelle alte ambizioni, nella serendipità.


Io. Qual'è il primo passo che fate prima di iniziare un nuovo progetto?
SF. Decisamente un ampia raccolta di immagini di riferimento, delle piste visive da seguire. Insomma, quasi sempre si parte dai materiali concreti, 2D o 3D che siano, connettendoli tra loro. Poi ognuno dice la sua e si procede in un ping pong creativo, dove ognuno (quando funziona) trova il proprio ruolo e apporto insostituibile.


Io. C'è qualcuno con cui desiderereste collaborare (qualcuno del passato o del presente)?
SF. Oh sì, è proprio quello che stiamo cercando ora. Molti dei giovani artisti che abbiamo intervistato sul nostro blog, tra cui le brillanti It's Raining Elephants e Hanna Konola. Poi le vivaci Hvass and Hannibal e i nostri vicini Automatic Books.
Ma anche falegnami, scrittori, musicisti, neuroscienziati, insomma altre figure non strettamente connesse al mondo del visivo. Però è maledettamente difficile trovare La Persona Giusta il più delle volte, ma questo si sa. Non è detto che si possa decidere - bisogna essere ricettivi se capita, e poi saper gestire la cosa.


Io. Quali artisti o designer state seguendo nell'ultimo periodo?
SF. In ordine sparso: anonimi medievali, i cataloghi delle ultime mostre al museo Fortuny (Ve), il fotografo '20 Karl Blossfeldt; poi Sarah Illenberger, Carl Kleiner, Studio Toogood e Formafantasma. Le illustrazioni di Laura Carlin, i libri di Planeta Tangerina, la crew Nobrow, ...


Io. Quale pensate che sia il vostro progetto/prodotto di maggior successo?
SF. Chissà. E' piaciuto molto Slow Wood, il panino componibile per bambini, presentato l'anno scorso a KidRoomZoom, evento collaterale del Fuori Salone di Milano. Probabilmente la nostra produzione più significativa sono le collane di legno Materia Prima - ma noi le abbiamo sempre considerate palestra artigianale e oggetti simbolici delle nostre ricerche estetiche e concettuali più ampie.


Io. Big cartel o Etsy?
SF. Etsy ci piace; è un maremagnum, coi suoi pro e contro - è un bel fenomeno globale, una piazza assai vasta dove passa chiunque. Il nostro Bigcartel è ancora un abbozzo, è nato per chi visita il nostro blog. Noi preferiamo avere entrambi al momento; c'è da dire anche che non ci sentiamo dei draghi del marketing (...).


Io. Quando non lavorate cosa preferite fare?
SF. I tempi di lavoro/non-lavoro non sono affatto distinti. Questo momento ha una vaghezza tale che si può dire che lavoriamo sempre o non lo facciamo mai. Facciamo le babysitter, collaboriamo con un vivace circolo Arci di Venezia (Metricubi), fantastichiamo su progetti futuri, ci angosciamo a preparare il portfolii collettivi e personali. E poi quel che fa la maggior parte della gente: libri, cinema, gitarelle, e un sacco di tempo su internet.


Io. La top-5 dei luoghi da visitare di Venezia (di qualsiasi genere essi siano).
SF. 1. Oriente e arcaismi magici: gli interni della Basilica di San Marco, dorata caverna-chiesa di pirati, e gli esterni neorestaurati del lato nord: la porta dei Leoncini, coi medaglioni alchemici. Poco distante, il chiostro di Sant Apollonia: un altro spazio-tempo.
2. Silenziosità notturne e labirintiche: zone della Celestia, San Polo, Santi Giovanni e Paolo (ovunque, sostanzialmente), perdersi e spiare i misteriosi giardini segreti, oltre le mura e i cancelli.
3. Le verdi e remote isole della Laguna: Sant Erasmo, Vignole, Burano, Torcello ... per le quali non c'è mai il tempo e la calma.
4. Un giro a bacari (tradizionali baretti e osterie), per gioia in forma di polpette, baccalà e ombre, e per gustarsi la ruvidezza anarcoide dei veneziani.
5. La pittura veneziana! - a scelta: Basilica dei Frari, Scuola Grande di San Rocco (per Tintoretto), Scuola Dalmata di San Giorgio (Carpaccio) o il pot pourri conservato dalle Gallerie dell'Accademia. Menzione speciale per Punta della Dogana, gran bel museo che ospita pezzi d'arte contemporanea di Mr. Pinault.
Non abbiamo rispettato la top-5, lo sappiamo. Ma Venezia è davvero un incredibile concentrato sconto (nascosto), richiede tenacia e tempo e buone gambe.


Io. Un sogno nel cassetto?
SF. Diventare uno Studio vero (come Pinocchio). Cosa questo voglia dire non è dato saperlo. Insomma - campare di questo, continuare bigger&bigger, collaborare a livello internazionale, avere una visione da comunicare. Suscitare entusiasmi, ecco.


Io. Riviste o blog preferiti?
SF. Blog: il nostro faro rimane BibliOdyssey, poi tanti altri: Book By Its Cover, But Does It Float, Fine Little Day, Le figure dei libri, Vice, per dirne alcuni. Riviste: Inventario di Corraini, purtroppo non molto altro in cartaceo, che adoriamo (cavolo, ma quanto costano le riviste?!). Ah, ultimamente siamo dei compulsivi Pinterestiani e Flickeriani.


Io. C'è qualcosa che non vi ho chiesto, ma che vorreste dire?
SF. "La mia arte è in realtà una confessione fatta spontaneamente, un tentativo di chiarire a me stesso in che relazione sto con la vita. E' fondamentalmente una specie di egoismo, ma non perdo la speranza che grazie ad essa riuscirò ad aiutare altri a vedere più chiaro". (Edvard Munch) e "Il gusto è una questione da gelatai"(Pablo Picasso).


Grazie, alla prossima!
Studio Fludd (Caterina, Clara, Matteo, Sara, Valeria)
xxxcoki

Saturday, March 24, 2012

mobile cabinets



mobile cabinetsmobile cabinets
The Turkish designer Beril Cicek designs crochetted cabinets that I love! These products are called ULL and tehy are mobile cabinets that you can dress.
-
La designer turca Beril Cicek fa dei mobili all'uncinetto che adoro! Questi prodotti si chiamano ULL e sono degli armadi trasportabili e vestibili.
xxxcoki

Friday, March 23, 2012

resume of the...

Germoglio
LadybugGood nightPhoto
PhotoBehind the forestCara mamma, me lo fai per il prossimo inverno?
PhotoPhotoPhoto
Photo Spring time
GlittersHappy BDay ElenaPhoto
Iseo How toHow to New iPhone cover I made, tags and doodle twine BalconBalcon /2 Balcon /3
It is not anymore a resume of the week, it is a month report...from the first shy bud to the flower's blossom, in the end it is Spring and in a while it will be my birthday!
I started new crochet projects for Summer and I am already thinking about a wool coat for Winter, a season follows one another.
Night pictures on the bike during the Bergamo Film Meeting, karaoke, bowling and a small trip to Iseo with Raffi, Lara and Anna. Don't forget about Seedbombs, in a while I will show some throws!
-
Non è più un riassunto della settimana, è un riassunto di tutto il mese...dalle prime timide gemme allo sbocciare di fiori, finalmente la primavera e a breve il mio compleanno! 
Ho iniziato nuovi progetti estivi all'uncinetto e sto già pensando di farmi un cappotto di lana per l'inverno, un susseguirsi di stagioni. 
Foto notturne in bicicletta al Bergamo Film Meeting, karaoke, bowling e una breve gita a Iseo con Raffi, Lara e Anna. Non scordiamoci delle Seedbombs, a breve testimonierò i lanci! 
xxxcoki

lauren moffat


Lauren Moffatt Lauren Moffat lauren moffat lauren moffat Lauren Moffat
Is relaxing yourself while doing mental shopping useful for our psyche? 
I am wishing from the bottom of my heart these shirts, dresses and accessories by Lauren Moffatt, I really love textures and shapes. Wikstenmade comes to my mind; if only I could sew...
-
Rilassarsi facendo shopping mentale, può essere utile alla psiche? 
Sto desiderando tantissimo queste camicie, abiti e accessori di Lauren Moffatt, mi piacciono le texture e le forme. Mi fanno tornare alla mente Wikstenmade; se solo sapessi cucire... 
xxxcoki

Friday, March 16, 2012

the pothole gardener


the pothole gardener the pothole gardener the pothole gardener the pothole gardener the pothole gardener
It's Spring and it's also time to take care of the garden/balcon. Next week I will manage a Seedbombing lab with the Band Loch project then we will go for some sane guerrilla gardening.
I will make seedbombs, but somewhere there is someone who hoes beyond green attitudes bringing guerrilla gardening to art, take a look to The pothole gardener, I already love it!
-
È primavera ed è anche tempo di dedicarsi al giardino/terrazzo. Settimana prossima organizzo con il progetto Band Loch un laboratorio di Seedbombing per poi andare a fare un po' di sano guerrilla gardening
Io preparerò delle bombe di semi, ma altrove c'è chi supera le attitudini più verdi portando il guerrilla gardening ad una forma di arte vera e propria, date un'occhiata a The pothole gardener, adoro già il progetto!
xxxcoki